Il tutore legale come “maestro”? Riflessioni pedagogiche sui percorsi di affiancamento ai minori migranti soli

Il tutore legale come “maestro”? Riflessioni pedagogiche sui percorsi di affiancamento ai minori migranti soli

Il tutore legale come “maestro”? Riflessioni pedagogiche sui percorsi di affiancamento ai minori migranti soli

da
475 475 people viewed this event.

Fabio ALBA 

Università degli Studi di Palermo 

Il titolo della seguente proposta: Il tutore legale come maestro? Riflessioni pedagogiche sui percorsi di affiancamento ai minori migranti soli, può apparire, di per sé, un po provocatorio. La scelta non è stata casuale. Lintento infatti è quello di offrire la possibilità di una riflessione, dal punto di vista pedagogico, su una figura, tanto antica quanto attuale, di affiancamento che è quella del Tutore legale. Di certo, nel panorama dellaccoglienza, il Tutore legale si identifica come una figura ponte nel percorso di crescita e di maturazione di molti adolescenti migranti soli. Adesso, i minori migranti soli o non accompagnati rappresentano una delle categorie sociali più vulnerabili del nostro Paese. Dalla letteratura di riferimento e dalle molteplici storie di vita di questi adolescenti «privi di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di adulti per loro legalmente responsabili», art. 2 della Legge n. 47 del 2017, sappiamo che sono portatori di specifici bisogni educativi.                                                                                                            Nella riflessione pedagogica, di notevole interesse risulta essere lesperienza della tutorialità nei processi educativi e formativi. Tale esperienza, assunta anche nei contesti dellaccoglienza, si struttura come una nuova forma di affiancamento che mira alla libera e sostanziale capacità di scelta autonoma delleducando, il quale è posto in una condizione propositiva.                       Partendo dalla figura del Tutore legale volontario – art. 11 della l. n. 47/2017 – il quale è indicato dal Garante per linfanzia e ladolescenza come «la chiave di volta della legge», lasse intorno a cui ruota il sistema italiano di protezione e accoglienza dei minori migranti, il contributo intende riflettere su questa figura che, oltre a farsi interprete dei bisogni del migrante minore solo, offre allo stesso la possibilità di poter dar vita a relazioni di riconoscimento volte ad assicurare anche una dimensione informale dellaiuto, che è per molti di loro uno strumento di mediazione per laccreditamento nella società accogliente. Egli, infine, si pone nella relazione educativa e di fiducia come un garante e un maestro nellindicare il percorso di vita migliore alladolescente migrante, ponendosi come vera e propria guida dello stesso. 

Parole chiave: adolescente migrante solo; affiancamento; tutela legale; maestro, relazione educativa. 

 

Data e ora

2021-05-03 @ 05:00 PM to
2021-05-03 @ 06:00 PM
 

Location

Online event
 

Tipologie di evento

 

Categoria dell'evento

Share With Friends